In Eventi

Bookcity Milano quest’anno ha superato ogni nostra aspettativa. Un evento che comprende gran parte della città e che ha visto come interpreti scrittori, professori, addetti ai lavori del mondo dell’editoria. Una vera mobilitazione per parlare del libro, della lettura e di tutto ciò che gli sta attorno.

Tra gli eventi che non ci siamo persi oggi la bellissima conferenza su P.K.Dick, in via Mercalli, una lezione universitaria a porte aperte tenuta da Carlo Pagetti, curatore dell’opera di Dick per Fanucci, Sergio Fanucci, l’editore, Luigi Bruti Liberati, professore di Storia Contemporanea (con particolare approfondimento della storia Nord-americana) ed Elio Franzini, mitico professore di Filosofia conosciuto da tutti alla Statale per le sue lezioni dense di contenuti filosofici e al tempo stesso attuali.

Si è parlato in particolare dell’Esegesi dickiana pubblicata nel 2015, una sorta di zibaldone con frammenti autobiografici, speculazioni filosofiche e politiche che aiutano a comprendere meglio gli universi narrativi dei romanzi di Dick,  fatti di illusioni e smarrimento esistenziale, post-tecnologici.

Un’altra lezione aperta a cui abbiamo partecipato dopo aver girovagato per un po’ fino al Castello Sforzesco ed essere tornati indietro, in piazza Sant’Alessandro, è l’interessante approfondimento su Virginia Woolf tenuto dalla professoressa di Letteratura inglese Caroline Patey da Sara Sullam e Nicoletta Vallorani. Si è dibattuto sull’autrice e in particolare sul suo Gita al faro a partire da due testi: Caroline Patey, Gita al faro. Circumnavigazioni (Mimesis); Sara Sullam, Tra i generi. Virginia Woolf e il romanzo (Mimesis). Un omaggio alla fortuna di questo classico che anche dopo così tanti anni ha visto fiorire diverse traduzioni e analisi critiche.

Alle 16,30 al Teatro Franco Parenti abbiamo seguito un interessante dibattito tra addetti ai lavori del mondo del libro sulla promozione editoriale. Presenti all’evento Giovanni Peresson, dell’Ufficio Studi AIE e professore universitario,  Marco Zapparoli, editore Marcos y Marcos, Davide Ferraris, libraio della Libreria Therese diTorino, Pina Micoli, promotrice per Einaudi, Roberto Malgrati, promotore Promedi. Giovanni Bianchi, ex responsabile vendite Selezione e Valeria Pallotta, promotrice Laterza, e collaboratrice Giornale della Libreria. Si è parlato della promozione editoriale ai tempi del web, con il cambiamento dei rapporti tra casa editrice e  promozione.

Non siamo purtroppo riusciti a seguire, perché allo stesso orario, l’incontro “Da Joyce a Joyce” con i traduttori Franca Cavagnoli, Fabio Pedone, Sara Sullam ed Enrico Terrinoni.

Tra gli eventi ugualmente persi (dovevamo prendere il treno!) ma che ci sarebbero davvero piaciuti, due inaugurazioni.

La prima, a cura del Politecnico di Milano, “Microcosmi urbani. Luoghi e percorsi nella capitale dell’editoria” prevede una mappa creata tramite dispositivi digitali e interattiva che ricostruisce i luoghi vissuti da otto autori di generi e di profili diversi: Buzzati, Gadda, Merini, Bianciardi, Scerbanenco, Savinio, Colaprico e Cucchi – attraverso il loro vissuto e la loro scrittura.

La seconda, a cura di Fondazione Corriere della Sera, una foto-storia del supplemento culturale “La Lettura”, alla Triennale di Milano.

Tra gli incontri avvincenti cui non siamo riusciti a partecipare anche la sfida tra autori David Foster Wallace vs Roberto Bolano e Jonathan Franzen vs Philip Roth. Un appuntamento per raccontarli, leggerli, metterli a confronto, ma soprattutto per scegliere, con il voto del pubblico, il preferito.

Bookcity continuerà anche domani e domenica! Voi a quale evento parteciperete? Diteci la vostra!

Recommended Posts

Leave a Comment

Contattaci

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

0

Start typing and press Enter to search